Salta al contenuto principale

Aggiornamenti sulla situazione dell'Ospedale Morelli

Pubblicato Mercoledì, 22/07/2020 - 13:53

Il ripristino della situazione pre-Covid dell’ospedale Morelli: è quanto chiedono a gran voce i sei comuni dell’Alta Valtellina. I sindaci del mandamento di Bormio, nella conferenza stampa tenutasi nel tardo pomeriggio di martedì 21 luglio, hanno comunicato la forte delusione seguita all’incontro di venerdì 17 luglio con il Dott. Salmoiraghi, direttore vicario della Direzione generale Welfare di Regione Lombardia. Seppur riconoscendo a Salmoiraghi l’estrema franchezza, le sue parole non hanno fatto che confermare i dubbi che i sei sindaci nutrivano da tempo: l’intenzione di Regione Lombardia di smantellare i reparti di eccellenza di Sondalo (la neurochirurgia, la chirurgia toracica e la chirurgia vascolare) per portarli in via definitiva a Sondrio.
Ulteriore conferma del progressivo depauperamento del Morelli, il fatto che gli investimenti di Regione Lombardia per il potenziamento dei reparti Covid non siano destinati ai padiglioni VI e VII, come chiesto dai sindaci, ma al I e al IV, ossia ai due padiglioni chirurgici oggi operativi della struttura.

Da questo orientamento di Regione Lombardia, la necessità di presentare in tempi brevi un esposto alla Procura e alla Prefettura in cui i sindaci esprimono tutta la loro preoccupazione per un territorio che va incontro a un’interruzione di pubblico servizio e che non sarà più in grado di garantire il livello minimo di assistenza sanitaria.
 
Pur con tutte le preoccupazioni del caso, nel corso della conferenza stampa è comunque emerso come alcuni sindaci di Valtellina e Valchiavenna stiano prendendo le distanze dal Documento dei 71, sottoscritto dai sindaci dei comuni capo-mandamento sul tavolo di Regione Lombardia; tale documento appoggia il disegno della Regione di spostare tutti reparti di eccellenza a Sondrio per convertire Sondalo in un centro di ricerca IRCS.

I sindaci dell’Alta Valtellina hanno fatto presente come quotidianamente vengano contattati e interpellati dalla popolazione , estremamente preoccupata per le vicende del Morelli. Da parte dei cittadini viene loro rivolto l’accorato invito di tenere alta guardia e di non lasciare nulla di intentato per la tutela del presidio ospedaliero.

Domani, giovedì 23 luglio, il destino dell’Ospedale Morelli sarà oggetto dell’incontro tra i sindaci dell’Alta Valtellina e il Prefetto di Sondrio.
 

Comune di Bormio

Via Buon Consiglio, 25
23032 Bormio (SO)
Codice fiscale: 00099580144 P.IVA: 00099580144 
Tel. +39 0342 912211
Fax +39 0342 912201
Codice IPA: c_b089
Codice Univoco: UF3W25
Email: info@comune.bormio.so.it
Pec: bormio@pec.cmav.so.it

Orari

UFFICI COMUNALI
c/o Centro Servizi - Via Don Peccedi, 1 - 23032 Bormio (SO)

Fax  +39/0342 912201 - ufficio protocollo

 

PROGRESSIVA RIAPERTURA DEGLI UFFICI COMUNALI

 

Gli uffici comunali sono aperti di mattina nei giorni da lunedì a venerdì dalle ore 9:00 alle ore 12:00.

L'accesso dell'utenza è limitato a una sola persona per volta per ufficio con invito a non incrociarsi nel percorso che porta all'ufficio di destinazione con altre persone a meno di un metro di distanza.

Tale limitazione sarà regolamentata all'ingresso mediante installazione di una postazione di portineria presidiata dal messo comunale che sarà fornito degli adeguati D.P.I. che provvederà alla preventiva misurazione della temperatura corporea mediante termometro digitale portatile e, nel caso in cui la stessa superi i 37,5 gradi centigradi l'accesso non sarà consentito e la persona invitata a recarsi presso il proprio domicilio e a contattare il proprio medico curante.

L'accesso agli uffici comunali è consentito esclusivamente dall'ingresso al primo piano (accesso dalla via Roma o a lato edificio).

L'ufficio tecnico sito in via Buon Consiglio n. 25, è aperto le mattine dei giorni da lunedì a venerdì dalle ore 11:00 alle ore 12:30

 

torna all'inizio del contenuto